La piastra per capelli

La piastra è il mezzo più utilizzato per ottenere capelli lisci. Fra credenze diffuse e consigli utili ecco quello che c’è da sapere su questo strumento e sulle sue modalità d’uso. Temperatura Qual è la temperatura giusta con cui piastrare i capelli? Dipende dal tipo di capello. Nel caso di un capello corposo e estremamente riccio, la temperatura può essere fissata anche sui 220°. Se invece si hanno capelli leggermente mossi la temperatura non deve superare i 180°/200° Quando passarla La piastra si deve utilizzare sui capelli completamente asciutti. Se si usa, infatti, sui capelli bagnati si provoca uno sbalzo

La piastra è il mezzo più utilizzato per ottenere capelli lisci. Fra credenze diffuse e consigli utili ecco quello che c’è da sapere su questo strumento e sulle sue modalità d’uso.

Temperatura
Qual è la temperatura giusta con cui piastrare i capelli? Dipende dal tipo di capello. Nel caso di un capello corposo e estremamente riccio, la temperatura può essere fissata anche sui 220°. Se invece si hanno capelli leggermente mossi la temperatura non deve superare i 180°/200°

Quando passarla
La piastra si deve utilizzare sui capelli completamente asciutti. Se si usa, infatti, sui capelli bagnati si provoca uno sbalzo termico eccessivo. Infatti con il calore l’acqua evapora velocemente, lasciando i capelli disidratati, aridi e opachi.

Prima dell’uso
È utile applicare prodotti specifici pre-piastra che creano sul fusto una sorta di pellicola capace di proteggere i capelli dal calore e facilitano lo scorrimento della piastra sull’intera lunghezza. Passare spazzola e phon garantisce l’effetto spaghetto. Bisognerebbe usare, però, spazzole di setole naturali, perché quelle di metallo elettrizzano i capelli.

Come passarla
Innanzitutto prima di usare la piastra si consiglia di strecciare accuratamente i capelli. Si deve, poi, usare il pettine per dividerli in ciocche. In questo modo si facilita lo scorrimento della piastra. È bene rimuovere residui di prodotti fissanti, spume, gel, lacche perché provocano attrito. Per non rischiare di bruciare il cuoio capelluto è bene tenersi distante qualche millimetro dalle radici. La posizione giusta per l’utilizzo della piastra è quella per cui la cute non avverte troppo calore. La piastra deve essere passata rapidamente sulle ciocche; premere con forza non migliora il risultato, al contrario rovina i capelli e li rende spenti.

Quale piastra usare
Le piastre migliori sono quelle in ceramica e tormalina in quanto meno aggressive, scorrono più facilmente e distribuiscono i capelli in maniera più uniforme. Poi esistono le piastre a ioni che rilasciano queste particelle capaci di chiudere le squame dei fusti, rendendo così i capelli meno elettrici e più disciplinati.

2 Commenti

  1. esmeralda
  2. Julia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *