Pensione integrativa

La pensione integrativa è un fondo volontario al quale sempre più spesso i lavoratori fanno ricorso per aggiungere “qualcosa” a quella che sarà la pensione rilasciata dagli enti previdenziali statali. Fondi di questo tipo possono essere di natura aziendale o nazionale e di fatto tutti coloro che ne fanno ricorso diventano detentori di conti correnti previdenziali separati dagli altri

Ad ognuno viene data la possibilità di selezionare il proprio fondo preferito dopo aver controllato le peculiarità dellel varie offerte presenti sul mercato.  L’entità delle prestazioni di fatto dipende dal contratto che si possiede oltre che dall’entità delle singole somme versate. In ogni caso al raggiungimento dell’età pensionabile tale cifra verrà versata al pensionato accanto alla pensione tradizionale.

Ultimamente abbiamo avuto modo di assistere a vari dibattiti su quale fosse la soluzione migliore per ogni contribuente, ma non siamo in grado di fornire un consiglio chiaro preciso e univoco. Questo perché ogni situazione deve essere analizzata in maniera autonoma, e ogni singolo soggetto può valutare la propria situazione alla base delle proprie necessità.

Come dicevamo poc’anzi, si tratta di  una soluzione volontaria e complementare con un lavoratore che si trova a fare una scelta che deve essere compiuta con consapevolezza piena. Ecco perché l’informazione gioca un ruolo fondamentale. Il consiglio migliore che si possa dare è quello di cogliere le informazioni in tre fasi: prima da soli, poi con un consulente, poi ancora da soli. L’idea è quella per prima cosa di cercare informazioni da soli, su riviste o su internet. In un secondo momento ci si potrà rivolgere ad un consulente; come ultimo step si potranno confrontare le opinioni del proprio consulente con quelle presentate online.

La contribuzione può avvenire in due diversi modi:

–          il proprio versamento contributivo;

–          il TFR o il contributo del datore di lavoro.

Tra le varie leve che possono essere sfruttate vi è anche una diversa cadenza nel versamento delle rate stesse. Anche in questo caso, resta fondamentale la necessità di valutare bene le spese mensili, per evitare di “esagerare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *