Utenti Facebook a rischio: il pericolo arriva via mail!

McAfee lancia l’allarme sottrazione dati sensibili per 400 milioni di utenti del noto Social Network Facebook. Secondo McAfee, nota società che si occupa di sviluppare prodotti per la sicirezza online, da qualche giorno i criminali informatici avrebbero di nuovo preso di mira gli utenti Facebook di Asia, Europa e Stati Uniti per infettare i loro computer con virus e malware capaci di sottrarre dati sensibili e password di ogni tipo, comprese quelle che vengono utilizzate per accedere ai servizi di home banking. A differenza del passato, quando gli attacchi avvenivano all’interno del sito stesso, ora le minacce giungono via mail

McAfee lancia l’allarme sottrazione dati sensibili per 400 milioni di utenti del noto Social Network Facebook.


Secondo McAfee, nota società che si occupa di sviluppare prodotti per la sicirezza online, da qualche giorno i criminali informatici avrebbero di nuovo preso di mira gli utenti Facebook di Asia, Europa e Stati Uniti per infettare i loro computer con virus e malware capaci di sottrarre dati sensibili e password di ogni tipo, comprese quelle che vengono utilizzate per accedere ai servizi di home banking.

A differenza del passato, quando gli attacchi avvenivano all’interno del sito stesso, ora le minacce giungono via mail o meglio attraverso la mail che utenti hanno legato all’account di Facebook, ed infatti nelle ultime 48 ore in tantissimi avrebbero ricevuto una mail, ovviamente non vera, da parte degli amministratori di Facebook in cui si comunica che per motivi di sicurezza la passoword di accesso al sito è stata resettata e si invita gli stessi utenti ad aprire l’allegato, ricevuto insieme alla mail, per impostare una nuova password.

McAfee rivela che il veicolo di infezione è proprio l’allegato, perchè aprendolo si scaricherebbero ed installerebbero automaticamente nel PC dei malware capaci di sottrarre tutte le nostre credenziali mettendo così a serio rischio la nostra sicurezza informatica.

Fecebook non ha rilasciato dichiarazioni dettagliate su quanto stia accadendo, limitandosi a dire che sta provvedendo ad aggiornare i propri sistemi ed inoltre consiglia agli utenti di prestare molta attenzione a questo tipo di pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *