Prestiti a fondo perduto: ecco come funzionano

È vero, ormai esistono diverse tipologie di finanziamenti ad imprese e a privati, ma spesso le informazioni non passano nei canali giusti e sono in molti a non sapere di avere questa chance. I finanziamenti sono strumenti validissimi da utilizzare per vincere una fase particolare e problematica vissuta da un’azienda, ma è anche una risorsa valida per avviare una nuova impresa o per rinnovarne e perfezionarne una già esistente.

Alcuni tipi di finanziamenti sono sperimentati e pensati in maniera particolare per i giovani e per permettere loro di avviare un’impresa e realizzare un’idea, che senza il finanziamento non sarebbe possibile realizzare. Tra i vari tipi di finanziamento ci sono i prestiti a fondo perduto, che vengono concessi da un ente, solitamente L’Unione Europea o lo stato o le regioni. I bandi vengono spesso pubblicati sui siti degli enti, per cui sarebbe sempre opportuno visitarli di tanto in tanto, per scoprire le novità. I prestiti possono essere a fondo perduto per il 100% del capitale oppure parzialmente a fondo perduto, solitamente i bandi più frequenti propongono un finanziamento a fondo perduto del 50%.

Chi può richiederlo

Ovviamente per richiedere i prestiti a fondo perduto si deve fare riferimento al singolo bando, poiché la modalità di richiesta variano a seconda che il finanziamento sia concesso dall’Unione Europea, dallo stato o dalla regione. Chi può richiederlo:

  • Giovani tra i 18 e i 35 anni che vogliono avviare una nuova impresa;
  • Giovani donne che vogliono proporre un’idea originale;
  • Aziende già esistenti, ma in un periodo delicato per le loro entrate;
  • Disoccupati.

Ovviamente per avere il finanziamento bisogna presentare un piano di business dettagliato e far valere la propria idea o la propria proposta.

Come fare per ottenere il finanziamento

Come già detto sarebbe sempre utile tenere d’occhio siti ufficiali dell’Unione Europea, dello stato e della regione oppure chiedere agli uffici di competenza. Ma per risparmiare tutta questa fatica potete anche decidere di affidarvi semplicemente ad un team di esperti. Contributi Pmi per esempio è un’azienda di consulenza, che mette a disposizione degli esperti in materia di progetti di finanza agevolata e di gestione di fondi europei, nazionali e regionali. Ma Contributi Pmi ha deciso soprattutto di seguire i giovani e supportare l’avvio di nuove imprese promosse da giovani e da donne. L’azienda si occupa inoltre di migliorare le performance e di innovazione di soggetti ed attività, attraverso lo strumento della finanza agevolata, individuando le migliori forme di finanziamento per un’impresa, ovviamente dopo aver analizzata in maniera minuziosa le sue caratteristiche e tenendo conto di particolari esigenze. Per contattarli potete visitare il sito www.contributipmi.it e scoprire subito le tipologie di finanziamenti più vantaggiosi per voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *